randomcanguro 6

Il viaggio di ritorno fu scandito da una canzoncina che gli tornò alla mente da chissà dove. Pensò che doveva essere il treno stesso, che caricato alla partenza come un malinconico carillon, addormentava le tristezze. Il cielo si era aperto in una sinuosa ferita che rovesciava luce sui campi fangosi. Alcune mucche sfrecciarono serenamente nel vetro sporco. Antonio si sentì come un nastro che si riavvolgeva, e quando sopraggiunsero i primi palazzi della città coi loro riflessi rosati, pensò che da qualche parte doveva esserci un tramonto.

 

Annunci

Informazioni su massimobettini

Ho aperto un blog per dimostrarmi che un blog non serve a niente, quindi cercherò di gestirlo nel peggior modo possibile, evitando accuratamente tutte le buone regole per un blog di successo. Conto di riuscirci. Il mio motto è, posto ma non mi sposto. Vedi tutti gli articoli di massimobettini

5 responses to “randomcanguro 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: